Quelli che siamo stati

Stamattina mi sono svegliata e mi sono resa conto di non ricordare più il suono della tua voce. Chissà perché proprio oggi, che giorno è, che giorno è stato, ho dimenticato anche questo?

Tra tutti gli abbracci maschili che mi sono stati offerti, soltanto nel tuo volevo perdermi. Questo lo ricordo. Ricordo anche che non correvo rischi fra le tue mani di bussola.

Avrei fatto le valigie e sarei venuta a vivere con te, ricordo bene anche questo. Ricordo anche come mi ha afferrato il cuore la paura in quel momento.

Non ti pensavo da così tanto tempo che oggi mi pare strano ricordarti senza sapere perché.

Perché mi manchi? Si, è vero, a volte mi manchi. Per la precisione, tutte le volte in cui mi cade il mondo addosso e non riesco a rialzarmi. Per fortuna non succede spesso che mi ritrovi a desiderare di correre da te. Per fortuna alla fine da sola ce la faccio.

Nessuna bussola ci ha fatto più ritrovare. Piuttosto, ho scoperto e imparato che quando le uso io certe parole, non vengo mai né capita né perdonata. Sono sempre io quella che deve capire, perdonare, passare oltre e quante volte l’ho fatto, ho perso il conto di tutte le volte che ho abbracciato chi mi aveva ferito.

Vorrei prendere un treno, un aereo ma non per scappare che lo so che così non si risolve nulla, ma per poterti incontrare di nuovo per la prima volta. Farei tutto diversamente e l’unica paura che avrei sarebbe quella di non riuscire a darti tutto l’amore che ho. Il resto lo lascerei alle tue mani.

Il resto lo lascio a quelli che siamo stati.

Francesca Lizzio


©Copyright 2015

segui cuore di cactus su Facebook


 

Annunci

4 thoughts on “Quelli che siamo stati

  1. Sarebbe un’opportunità intrigante poter riscrivere la storia vivendo in pieno tutte le opportunità negate. Ritrovarsi non è impossibile, ci vorrebbe però la magìa di quel tempo, quella voglia di rincorrersi e di aspettarsi ancora.
    La vita offre continue possibilità permettendoci di guardare con occhi nuovi il nostro futuro, al netto di tanti sbagli e con un cuore sempre pronto a scattare con un altro battito.
    Nuove terre da dissodare ci aspettano, la terra è fertile, arriveranno nuovi germogli da far crescere e vecchi rancori da sotterrare.
    Le lacrime di adesso saranno la storia che leggeremo domani … io spero tanto sia una “una bella storia” … coraggio! ♥
    Un grande abbraccio

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...