Spina

Tu non sai essere me cosa significa

mi guardi, mi trovi cinica

Credi mi piaccia essere spina

non lasciarmi toccare per me è una garanzia

So che nessuno può capirlo davvero

che con tutto quello che ho vissuto non sono più quella che ero,

non voglio più quello che avevo

Ormai ne ho la certezza, incuto paura

succede quando si ama oltre misura

Sarò banale e insignificante

sento troppo, tutto o niente è la mia unica costante

Tu mi guardi, non capisci, pensi che rimarrò da sola

perché del mio cuore, come tutti gli altri, vedi soltanto la forma

Non voglio niente, non aspetto nessuno

ho me stessa, porto sicuro.

Francesca Lizzio


©Copyright 2016

segui cuore di cactus su Facebook

Irraggiungibile

Serve del tempo, ma alla fine tornano (quasi) tutti. Arriva sempre il momento in cui quell’ex amica, quell’ex fidanzato, quel ragazzo che “non era pronto per una come te, ma un giorno chissà”, si guarda indietro e si rende conto di chi ha perso. Tutte quelle persone che ti hanno ferita, delusa, rifiutata, tornano sempre. Che sia stato per invidia, cattiveria, leggerezza, stanchezza.

Ad un certo punto, succede che ti ritrovi un messaggio, una richiesta di amicizia, oppure ci s’incontra. Tu, con l’aria di chi si è rialzata ed è andata egregiamente avanti, loro col senso di colpa negli occhi, il rimpianto in tasca, la coda tra le gambe. Ma tu sei passata per loro, non ci sei più e non per vendetta o vanità, ma perché non hai più bisogno di loro, non sono più persone che vuoi nella tua vita.

Ti sei data il tempo per soffrire, star male al punto di desiderare di sparire, per pentirti di tutto quello che hai incondizionatamente (e ingenuamente) dato. E ti è servito, perché così hai capito cosa aspettarti dalle persone. Hai scoperto che sei più forte di quello che credevi e stare da sola ti piace tanto. Hai imparato a volerti bene indipendentemente dagli altri, quegli altri che non ti hanno mai capito e apprezzato veramente.

Sei irraggiungibile e intoccabile: la tua personalissima difesa.

Sai che il “pochi ma buoni” va doverosamente applicato e se mancano anche quelli, meglio sola piuttosto che accontentarti, ritrovarti circondata da persone che non ti chiedono mai “Come stai?” o che te lo chiedono ma in realtà non gliene frega niente.

Sei tu quella che ci mette il cuore e ogni volta se lo ritrova mutilato.

Sei tu quella a cui tutti hanno sempre preteso qualcosa e sistematicamente non era mai abbastanza, come se fossi indistruttibile, come se fossi una specie di distributore gratuito di vita.

Poi, finalmente, hai aperto gli occhi: hai capito che nessuno ti darà mai quello che tu sei sempre stata disposta a donare… e hai imparato a conservarlo per te stessa.

Francesca Lizzio


©Copyright 2016

segui cuore di cactus su Facebook