Quando un amore finisce

Quando un amore finisce si porta via tutto. Il “restiamo amici” (così come il tradimento) è una beffa nei confronti di quello che li ha preceduti. Un insulto, un’offesa vera e propria.

E’ ferire i ricordi che si hanno in comune, le cose che sono state condivise.

E’ infierire su qualcosa che è già morto, come se non fosse abbastanza.

E’ un po’ come avere ancora qualcosa che ci lega anche se in realtà non c’è più nulla, un certo vincolarsi per ritrovarsi poi, un giorno, a pensare che avremmo dovuto riprovarci, come se avessimo vissuto soltanto di felicità, perché i ricordi hanno questa brutta abitudine, ti fanno vedere soltanto il bello di quello che è stato. E il brutto, il perché è finita, dove lo mettiamo?

Per quanto mi riguarda, chi ha amato davvero non è capace di accontentarsi di una semplice amicizia. L’amore è prepotente e, com’è giusto che sia, se non può saziarsi prende le distanze.

Forse sarebbe il caso spendere qualche parola sul fatto che se una storia finisce è sempre colpa di entrambi, che i tradimenti in fondo sono tutti uguali, che eppure “c’eravamo tanto amati”.

No. Sarò estremista, ma non sono d’accordo. Per me quando una relazione giunge al capolinea è perché uno dei due si è rivelato immaturo, inadatto, oppure si era incompatibili e l’unica cosa che accomuna i tradimenti è il fatto che chi tradisce non è innamorato. Una persona innamorata non si sognerebbe mai di ferire, deludere e umiliare in questo modo chi ama. Il tradimento è una forma di egoismo, di noncuranza, di insensibilità.

Quando un amore finisce va via anche un po’ di noi. Non si è più gli stessi. Per un po’ ci si aggrappa ai “se” e ai “ma”, pur di non separarsi definitivamente da quella persona. Poi, un giorno, magari senza nemmeno accorgercene, siamo andati avanti. Perché per fortuna la vita va avanti, sempre e noi dobbiamo seguirla.

Le storie finiscono, gli stronzi mai e pazienza, finché vogliamo cercare l’amore meglio rassegnarci e stare attente.

L’importante è volerci bene, perché siamo noi le uniche responsabili della nostra felicità.

Godiamoci la vita.

E beviamo tanti Margarita.

Francesca Lizzio


©Copyright 2016

segui cuore di cactus su Facebook

Annunci

La verità

Sei fantastica, divertente, diversa dalle altre. Chi ti avrà sarà molto fortunato.

Allora perché non mi vuoi?

Era questo che alla fine mi ritrovavo a domandarmi, a volte pensando addirittura di essermelo meritato, di essere sbagliata.

Sei troppo complicata. Con te si deve fare sul serio.

Allora si, sono diventata complicata. Perché ho un cervello e amo usarlo, amo avere un’opinione su tutto e lottare per ciò in cui credo. Si, con me si deve fare sul serio, perché il tempo per le stronzate ha una scadenza. Perché da sola sto bene, se qualcuno vuole starmi accanto deve farmi stare meglio, non peggio.

Ad ogni modo, sembra obbligatorio avere una relazione. Come se da soli fossimo individui inferiori, come se stare in coppia fosse una garanzia per una vita migliore. Come se fosse facile trovare qualcuno che ne vale la pena.

Facciamo il punto della situazione.

Ci sono quelli che ti vogliono ma non fanno nulla per averti.

Quelli che non sanno se ti vogliono ma adottano la soluzione ipocrita “Un giorno magari si”.

Quelli che ti vogliono ma vogliono anche le altre, cazzi tuoi se non ti sta bene.

Quelli che si rifiutano di definire la relazione.

Grazie che non ci fidiamo, grazie che abbiamo mille difese e mille paure, che misuriamo parole e azioni. Spero ci sia un girone dell’inferno tutto per loro.

Che poi, quando ci sentiamo dire le classiche frasi da manuale Non sei tu, sono io/In questo momento non so quello che voglio, la verità è soltanto una: non gli piacciamo abbastanza.

E’ capitato a tutte, almeno una volta, un uomo che ci voleva veramente (se non vi è successo, vale per il futuro). Ricordate cosa avete provato? L’avete capito subito, perché è stato chiaro, diretto, inequivocabile. Semplice. Ecco, quando non avete questa sensazione potete mettere le mani sul fuoco: non vi vuole o almeno, non abbastanza. Quel film dovremmo conoscerlo a memoria (n.b. La verità è che non gli piaci abbastanza).

E allora, se non hanno il coraggio di essere sinceri, preferiscono indorare la pillola o fare a gara a chi ha sofferto di più nella vita, come possiamo pretendere che siano in grado di essere nostri compagni? Riguardatevi il film e se non lo conoscete rimediate.

Una volta mi incazzavo da morire, tiravo su sceneggiati da paura. Volevo spiegazioni, urlavo tutto quello che provavo e pensavo. Poi ho capito che era inutile, un grande spreco di parole ed energie. Perché non c’è niente di più triste del parlare col cuore in mano a chi non vuole ascoltarti, del dare amore a chi non è capace di vedere oltre se stesso.

Abbiamo un istinto che ci viene sempre in aiuto, ci dà tutte le risposte, eppure in amore scegliamo di ignorarlo ed è lì che sbagliamo. Perché nel profondo lo sappiamo sempre se un uomo ci vuole oppure no, se abbiamo investito su qualcuno che lo merita oppure no.

Non è una colpa avere delle speranze, delle aspettative, ma bisogna scegliere con razionalità a chi regalare questo bagaglio emotivo. Il nostro cuore ha un valore, va protetto.

Non smettiamo mai realmente di sbagliare, ma per fortuna si può sempre imparare.

Perciò.

Diffidate da quelli che non parlano mai, non si aprono mai. Tutti abbiamo sofferto, tutti siamo stati presi in giro, ma quando gli porgete una mano (e un cuore) e continuano a starsene lì senza venirvi incontro, allora lasciate perdere. Non hanno niente da offrirvi.

Diffidate da quelli “spenti”, che non si emozionano mai, che non vi dimostrano mai il loro affetto, che non prendono una posizione. Non sono altro che soggetti passivi.

Diffidate da quelli che non smettono mai di parlare, non vi ascolteranno. Non gli interessa ascoltare voi, ma soltanto se stessi.

Diffidate da quelli che vi promettono il mondo, a parole siamo bravi tutti, a volte perfino loro. Sono fatti che non si realizzeranno mai.

E non pensate nemmeno di poter cambiare un uomo, è una battaglia persa in partenza. Non è giusto per nessuno. Tra l’altro, le persone non cambiano. A maggior ragione, quindi, dovete sceglierlo bene.

Perché la vita è difficile, perché si è individui formati e autonomi e per capire se insieme si può andare da qualche parte deve esserci equilibrio. Nessuno deve salvare nessuno, bisogna essere complici. Non sarà per sempre (abbiamo appurato che non esiste ormai), ma per quel periodo che ci è concesso bisogna esserci sempre, non soltanto quando va tutto bene.

La verità è che l’amore è uno stile di vita. Non ci si limita a scegliere una persona, impegnarsi per un po’ e poi lasciare che diventi abitudine. L’amore è come una pianta, ha bisogno di cure e presenza costanti. Perfino i cactus ogni tanto hanno bisogno d’acqua, figuriamoci.

Francesca Lizzio


©Copyright 2016

segui cuore di cactus su Facebook

La felicità

Sono sempre stata la cinica del gruppo. O la stronza, dipende dalle circostanze. Fatto sta che tutte le volte che tra amiche si tocca l’argomento “uomini”, ecco che esce fuori il mio lato amaro. Vuoi perché col tempo ho imparato a conoscerli, vuoi perché fin da subito non mi sono mai fidata di loro del tutto.

E così, proprio io che una volta ero fermamente convinta che nonostante tutto il mio “happy ending” se ne stava da qualche parte, alla fine mi sono ritrovata a tenere ogni maschio sulla corda.

Se da un lato le mie amiche qualche volta mi rimproverano di essere troppo difficile/diffidente, dall’altro mi sono accorta che qualche maschio che non si arrende alle mie barriere c’è.

Ho scoperto poi di non essere altro che una sfida da vincere e buttare successivamente nel dimenticatoio. Fa niente, è esperienza, fa curriculum.

Perso il desiderio (e la speranza) dell’happy ending, anche quel po’ di romanticismo che avevo è andato a farsi benedire. Accumulando delusioni, ferite e rimpianti, complice il fatto di non aver mai vissuto la singletudine come un dramma, ho capito che stare da sola mi piace troppo. Ho capito che il mio “finale” altro non è che l’inizio di un amore che ogni donna dovrebbe avere: quello per me stessa.

Ad un certo punto mi sono stancata delle solite frasi da manuale Io ci tengo a te, ma non sono pronto per una storia importante (quindi preferisci perdermi? Ok, addio allora), Ho sofferto tanto in passato/Non me la sento di definire il nostro rapporto/Io sono fatto così, se non ti sta bene quella è la porta (oh povero, a me invece mai nessuno mi ha preso per il culo o spezzato il cuore/wow, che atteggiamento maturo/allora sei stronzo, quella è la porta).

Credetemi quando dico che un uomo che vi vuole veramente col cavolo vi lascia andare, inventa scuse o sparisce.

Ad un certo punto ho deciso di stare da sola. Perché gli uomini, alla faccia del “sesso forte”, non hanno né le capacità né il coraggio di investire in una relazione. Perché non ne potevo più di non essere mai “abbastanza” o di essere “troppo” per qualcuno che in realtà non mi ha mai voluto veramente. Perché non merito una persona che mi fa sentire insicura, che mi fa odiare il mio corpo o il mio carattere, che mi dà per scontata. Perché non sono una che si accontenta. Perché questo per me non è amore.

Stare da sola è fantastico. Non devi rendere conto a nessuno di quello che fai, dove vai, con chi vai. Sei libera. E’ anche vero che la solitudine a volte sa essere una gran bastarda, eppure soltanto grazie a lei possiamo fare chiarezza dentro di noi. Grazie a lei saremo in grado di scegliere su quale treno salire, non prenderemo al volo il primo che passa. Grazie a lei saremo in grado di decidere se riprovarci o lasciare le cose come stanno, con assoluta consapevolezza.

Oggi i rapporti non valgono niente, siamo tutti facilmente sostituibili, messi in vetrina finché fa comodo, esposti agli occhi di tutti ma incapaci di guardarci l’un l’altro. Sfiliamo in una piazza in cui tutto è in mostra, ma nessuno ci sceglie mai per quello che realmente siamo. In una società dove valori e sentimenti non contano più nulla, essere single è legittima difesa. E’, tra le altre cose, un’occasione preziosa per imparare ad amarci come nessun altro farà mai.

Per cui, quando si parla d’amore io sono la guastafeste, quella che dice cose come Se è sparito è perché non era veramente così interessato, Non dargli troppe certezze, ti darà per scontata, non cercherà di conquistarti, Tienigli testa, non essere sempre accondiscendente, Fatti desiderare, non concedere tutto subito, deve capire che sei preziosa e non come le altre, Hai una vita senza di lui, non deve pensare che trascorri tutto il giorno in attesa che si faccia vivo e se la sincerità è sempre la strada migliore, devo dire che non sempre è apprezzata.

Per fortuna le persone intelligenti sanno che in queste parole amare ci metto tutto il mio cuore, le pronuncio per il loro bene.

Quello che predico da sempre, a costo di fare la parte dell’egoista pur non sentendomici, è che non bisogna aspettarsi la felicità da un uomo. Prima di tutto perché se non siamo in grado di camminare con le nostre gambe, aggrapparci a un’altra persona equivale ad annullare entrambi. Non è giusto né sano. E poi perché questo fatidico uomo, nessuno ci ha garantito che ci troverà.

Tra l’altro un uomo deve essere un complice, non un salvagente (e vale anche al contrario: crocerossina/Penelope anche no). Considerate che a loro la nostra totale dedizione neanche piace. Se avete degli amici chiedeteglielo. Una donna che cambia la sua intera esistenza per un uomo, la trovano disperata. Una donna sempre disponibile, sempre reperibile, li annoia. Trovano affascinante il fatto che abbiamo una vita, delle passioni, degli impegni, un carattere. Chiaramente sto parlando di uomini intelligenti, non confondiamoci.

La felicità è scoprire che donne siamo. Realizzarci come individui. Avere delle amiche con cui sfondarsi di cibo spazzatura. Mandare al diavolo quello stronzo che non ci merita.

La felicità è investire su noi stesse, non su una persona che oggi c’è e domani chi lo sa.

Quello che bisognerebbe imparare fin da bambine, se soltanto non vivessimo in una realtà profondamente maschilista, è che il nostro “finale felice” non deve essere votato al sacrificio, al completo annullamento. E’ da pazzi spegnersi in questo modo.

Abbiate sempre la voglia (e il diritto) di scoprire e dar voce a voi stesse.

Francesca Lizzio

Il cinismo è un modo spiacevole di dire la verità.

Lillian Hellman


©Copyright 2016

segui cuore di cactus su Facebook