Libri in fiera

Da oggi fino al 1 Maggio, non perdetevi Libri in fiera a Modena!

31265496_10214137689248609_8614503978186571776_n

Francesca


–  seguimi su Facebook e su Instagram

Annunci

Il cuore regolare

Il cuore regolare di Olivier Adam.

Il cuore regolare

Dalla morte di Nathan, il fratello tanto amato, Sarah si sente sempre più estranea alla propria vita. Sperando di riavvicinarsi un’ultima volta al fratello, si rifugia in Giappone, in un piccolo villaggio sotto una scogliera nel quale Nathan le aveva detto di aver trovato la pace. Ma scoprendo i luoghi amati dal fratello scomparso, Sarah riscopre la propria vita, rischiando di perdere questa volta davvero tutto.

 

 

Sarah non si sente padrona della sua vita, si sente imprigionata dagli eventi, anestetizzata, incastrata in una quotidianità che non sente più sua. Cerca di essere la persona che tutti si aspettano, la moglie e la madre perfetta, illudendosi di poter resistere anche alle pressioni di un lavoro che non la soddisfa. Finché una sera riceve la notizia da Clara, la sorella minore: Nathan, il fratello, è morto. Il dolore la devasta al punto che la depressione s’impadronisce di lei, perde il lavoro, il matrimonio è sull’orlo del baratro. E’ convinta che Nathan si sia suicidato, nonostante sia rimasto vittima di un incidente stradale.

Smarrita, distrutta, un giorno decide di partire per il Giappone, lasciando il marito e i due figli per qualche tempo. Qualcosa dentro di lei la spinge ad andare nel luogo in cui suo fratello aveva trovato un po’ di serenità, una sensazione per lui da sempre inaccessibile.

Questa storia struggente, incorniciata da descrizioni magnifiche e dettagliate dei luoghi e dello stato d’animo confuso e devastato di Sarah, scorre parallela a quella di Nathan, un ragazzo fragile che non è mai riuscito a trovare il suo posto nella vita, che per qualche turbamento oscuro dell’anima non è riuscito ad essere felice, nonostante ci abbia provato con tutto il cuore.

A volte il bisogno di essere amati e accettati, di avere vicino qualcuno che creda in noi e la mancanza di tutte queste cose può distruggerci, può farci sentire estranei a noi stessi, difettosi, immeritevoli. Eppure è lì che dobbiamo prestare maggiore attenzione, perché si può perdere la strada in un bicchiere d’acqua che abbiamo erroneamente scambiato per una tempesta. E’ allora che dobbiamo sforzarci di capire l’altro, anche se ci sembra impossibile, anche se ci sembra troppo diverso da noi. Quante volte per colpa di parole non dette, malintesi, silenzi, ci si perde senza una vera ragione?

La vita colpisce tutti, chi più chi meno, è vero. Ma è la capacità di incassare che ci distingue dagli altri, che ci ricorda che siamo individui e come tali siamo tutti diversi, ognuno padrone di una forza d’animo propria, capace di sopportare la propria dose di dolore. E’ una forza che se viene a mancare la si può sempre e comunque costruire, ma purtroppo non tutti se ne rendono conto.

Francesca Lizzio


©Copyright 2018

–  seguimi su Facebook e su Instagram